Contattaci al (+39)368268041

Moroder ViniValorizzare il territorio e le sue peculiarità. Sposare il vino all’eccellenza della cucina esaltando la bellezza dei luoghi è la nostra passione.
Si realizza, così, il ristorante Aiòn, nei locali di un casolare del ‘700, ristrutturati con cura e rispetto, dove si respira un ambiente caldo e accogliente. Aiòn, dal nome del dio greco del “tempo che non passa”, il tempo del vivere pieno, della fantasia e dell’arte.
La cucina, basata sull’altissima qualità degli ingredienti prodotti in azienda, si esprime con i sapori antichi di questa terra senza tempo.
È la ricerca attenta di sapori e di colori capace di regalare ad ogni piatto la sua naturale armonia. E, negli ambienti por tati alla primitiva bellezza, o, d’estate, in quella che era l’antica aia, iniziative di spettacolo e di musica legate alla degustazione del vino e del cibo, concretizzano il senso di Aiòn, di un tempo da vivere con piacevole pienezza.
Di proprietà della famiglia Moroder dalla fine del 1700, con l’impegno e la vivacità imprenditoriale di Alessandro e Serenella, il recente coinvolgimento dei figli, Marco e Mattia, e la preziosa consulenza di Franco Bernabei, l’azienda ha preso un deciso orientamento verso prodotti di alto livello qualitativo che valorizzano la spiccata vocazione per la coltivazione delle uve a bacca nera, proprie di questa zona.
Sono state recuperate le strutture originarie e, mantenendo inalterato il fascino degli spazi, ne è stato ridistribuito l’utilizzo.
L’antica neviera è stata destinata ad accogliere le piccole botti per l’affinamento e la maturazione delle riserve.
Con il progressivo aumento dell’estensione viticola è nata l’esigenza di ampliare la cantina. È stato così inaugurato, nel 2002, il nuovo ampio spazio
riser vato all’affinamento e allo stoccaggio del vino prodotto in azienda.
La nuova struttura si sviluppa interamente nel sottosuolo, nel pieno rispetto ambientale, in armonia con la storia del territorio che l’accoglie.
L’azienda agricola Moroder è situata a Montacuto, piccola frazione di Ancona, nel cuore del Parco del Conero.
In questa ristretta fascia collinare che guarda direttamente al mare, si estendono i 50 ettari della tenuta, di cui 32 coltivati a vigneto.

Leave a Reply